• Home
  • DAL DISTRETTO
  • Il Distretto Veneto della Pelle, tra innovazione e resilienza. Come un distretto industriale è diventato un’area sistema integrata d’innovazione

Il Distretto Veneto della Pelle, tra innovazione e resilienza. Come un distretto industriale è diventato un’area sistema integrata d’innovazione

E’ stato presentato in anteprima lo scorso 14 ottobre c.a., durante il secondo appuntamento degli Stati Generali della Pelle, il libro tratto dalla ricerca condotta da Lucrezia Maria Mecenero in collaborazione con l’Università̀ di Trento. Il saggio racconta e spiega, attraverso un’indagine storica, la raccolta e l’elaborazione analitica di un’importante quantità di dati, i fattori, i processi e le dinamiche che hanno portato l’agglomerato industriale, che ha il suo nucleo centrale nell’area di Arzignano e della Valle del Chiampo (VI), a divenire il più importante distretto italiano della filiera della pelle e uno dei maggiori al mondo.  

Scintilla scatenante per la ricercatrice, il paradosso emerso dal confronto dei dati economici che riconoscono internazionalmente questo distretto come un polo dove si fa innovazione, non solo in termini di prodotto “pelle”, ma anche di tecnologia, macchinari e chimica, e i dati sul tasso ufficiale di investimenti in ricerca e sviluppo rilevati. A fronte di una spiccata propensione all’innovazione infatti corrisponde un esiguo 0,2% d’investimenti a bilancio in ricerca e sviluppo. Valore ampiamente inferiore alla media italiana, che è circa di 1,4%, nonché alla media europea che si attesta attorno al 2%.

Parte quindi da questa riflessione il percorso di ricerca dell’autrice mirato ad illustrare come questo distretto sia riuscito a sopravvivere, negli anni, a crisi e competizione globale e a rappresentare un’avanguardia internazionale, acquisendo un ruolo importante sul mercato globale, con un fatturato che nel 2019 rappresentava il 58% del settore italiano concia, il 38% dell’indotto europeo e il 13,5% dell’indotto mondiale del settore pelle e che nel difficile anno 2020 (secondo i primi dati diffusi da UNIC) ha saputo contenere molto di più il calo di fatturato, rinforzando la sua posizione sia sul mercato italiano, arrivando al 62% di incidenza, sia sul mercato europeo e su quello mondiale, dove la sua incidenza è ora maggiore del 14%.

Sviluppata su cinque capitoli, l’opera dedica i primi di essi ad una rassegna della letteratura sui distretti industriali, presentando le diverse teorie sviluppatesi negli anni, per descrivere il fenomeno dello sviluppo dei distretti industriali e per spiegare i processi che in essi si creano, procedendo poi ad un’incursione nella storia stessa dell’atavico processo di concia delle pelli. L’autrice descrive gli inizi dell’industria conciaria di Arzignano e ne narra le vicissitudini fino ai giorni nostri, dedicando il terzo capitolo allo studio dei processi di sviluppo di questo distretto nel nuovo millennio.

Cuore della pubblicazione, il capitolo quattro, contiene alcuni tra gli aspetti più significativi dello studio della Mecenero, rilevando e quantificando l’importanza e l’integrazione crescente delle attività cosiddette “ancillari”, ovvero le industrie della meccanica e della chimica, applicate al settore conciario, individuandone il ruolo fondamentale nello sviluppo stesso del distretto.

In un crescendo di informazioni ed elaborazioni concettuali, l’autrice accompagna il lettore alla comprensione della teoria da lei elaborata, per illustrare la resilienza del Distretto Veneto della Pelle negli anni ed il ruolo che ha in esso avuto la capacità di innovazione delle sue aziende, arrivando a mettere in campo, nel quinto capitolo, un concetto nuovo in ambito economico, quello di area sistema integrata d’innovazione, per spiegare la nuova configurazione di sistema produttivo locale, che nel tempo si è creata in questo distretto, dove le “industrie ancillari” della chimica e delle macchine per conceria, diventano generatori di ricerca e sviluppo.

Interessanti infine le conclusioni tratte dalla Mecenero che, proponendo una prospettiva completamente nuova, evidenzia per la prima volta le somiglianze tra il Distretto Veneto della Pelle e uno degli ecosistemi d’innovazione più importanti e conosciuti al mondo: la Silicon Valley.

<<Il libro scaturisce dalla forte identificazione con il territorio e dall’amore che l’autrice ha per il suo paese e dalla premura per il suo futuro>> ha dichiarato in merito Italo Trevisan, nella cui prefazione si è espresso definendo l’opera come “un lavoro attento e accurato, che scaturisce da competenza,  nasce dalla rielaborazione e aggiornamento di una tesi di laurea magistrale valutata assai positivamente e dalla passione perché l’autrice è “del mestiere”, lavorando con incarichi dirigenziali in una ditta specializzata in prodotti chimici per la concia.

 

 

Finito di stampare nel mese di ottobre 2021, il libro di 149 pagine, è disponibile nella sua pregiata versione cartacea sul sito www.francoangeli.it oltre che sui siti di Ibs, Bol, Feltrinelli ecc., al costo di €21,00.

La versione e-book, al prezzo di € 18,00, è reperibile sempre sul sito www.francoangeli.it presso tutti gli store digitali attivi in Italia e all’estero (tramite il distributore Edigita). Gli e-book sono disponibili anche su Amazon e sulle librerie online italiane, come Ibs, La Feltrinelli, Libreria Universitaria, Mondadori, Rizzoli e altre.

 

CREDITS:
Titolo completo: Il Distretto Veneto della Pelle tra innovazione e resilienza. Come un distretto industriale è diventato un’area di sistema integrata d’innovazione

Autore: Lucrezia Maria Mecenero, collaboratrice per l’Università di Trento e consulente del Distretto Veneto della Pelle

Presentazioni di Riccardo Boschetti, Presidente del Distretto Veneto della Pelle e di Chiara Carradore, Direttore del Distretto Veneto della Pelle

Prefazioni di Italo Trevisan, professore del dipartimento di economia e management dell’Università di Trento

Consulenza Progetto editoriale, grafica di copertina e comunicazione: DiBi Project di Francesca Di Bitonto | Designer Giulia Marzotto – www.dibiproject.com

Casa Editrice: FrancoAngeli s.r.l.

Prima Edizione: Ottobre 2021

Per contattare l’autore:
l.mecenero@distrettovenetodellapelle.it

Per informazioni e ordini:

comunicazione@distrettovenetodellapelle.it

www.distrettovenetodellapelle.it

Condividi

DISTRETTO VENETO DELLA PELLE
Sede legale: Via dei Mille, 38 - Arzignano (VI)
P.IVA 03523100240

PEC distrettoconciariovicentino@legalmail.it 

Newsletter

progetto di comunicazione dibiproject.com